344 parole per sintetizzare l’ anno di comunicazione più importante di sempre: Addio 2014!

new-years-day-229734_1280

Il 2014 sarà ricordato come l’ anno dei social network in quanto le piattaforme di interazione sociale sono esplose definitivamente anche nel mondo del lavoro e della comunicazione digitale.

Infatti gli eventi nazionali ed internazionali che hanno contraddistinto l’ intero anno solare sono stati narrati e/o commentati attraverso i social che sono diventati anche poderosi strumenti di marketing per imprese e liberi professionisti (social media marketing).

I cinque eventi che hanno generato il più alto numero di condivisioni sui principali social sono stati:

Ebola (224k)

Morte di Robbie Williams (200k)

Coppa del mondo (156k)

Olimpiadi di Sochi(145k)

Il volo 370 partito dalla Malesia(131k)

Le interazioni e le relative condivisioni sono avvenute principalmente sui dispositivi mobili in quanto i sistemi operativi Ios e Android sono stati preferiti al vecchio desktop in termini di accesso ad internet.

Il 2014 è stato anche l’ anno della consacrazione di alcuni social network, in particolare Pinterest e Tumblr, che si sono affermati sul mercato come strumenti di comunicazione 3.0. Invece altri social, nello specifico Facebook e Twitter, sono stati soggetti a numerose modifiche che ne hanno alterato la funzione di intrattenimento sociale.

Mentre Mark ha trasformato la propria “creatura” in una piattaforma commerciale, Twitter è stata vittima della cosiddetta facebookizzazione che ha generato numerose polemiche sul ruolo del social nel ambito della comunicazione personale.

È proprio il personal branding ad essere eletto come protagonista indiscusso dell’ anno che stiamo per “salutare”. Esercitato mediante blogging(wordpress su tutti) ha consentito agli influencer della rete di ritagliarsi un spazio lavorativo nel panorama economico-comunicativo del sistema italiano ed europeo.

Il 2014 sarà ricordato anche come l’ anno della metamorfosi del marketing e della comunicazione aziendale. Le campagne pubblicitarie esclusivamente testuali e auto-promozionali vengono definitivamente abbandonate e sostituite da storie entusiasmanti(storytelling) e dal contenuto altamente qualitativo( content marketing).

È stato anche l’ anno della customer satisfaction digitale(curo quella di una concessionaria Citroen)e delle grandi crisi reputazionali(Moncler e Wind)ma anche dei grandi successi aziendali(Fiat).

Sotto il profilo comunicativo il 2014 è stato un anno ricco di avvenimenti sperando che il 2015 non sia da meno.

Annunci

Autore: Angelo Cerrone

Vivo una vita reale ed una 3.0. Tutto ciò che passa per le mie mani viene digitalizzato. Sono un digital and social media strategist ma anche un blogger. Autore dell' ebook: "Come gestire l'assistenza clienti con Whatsapp".

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...