Come integrare Pinterest ad una piattaforma di e-commerce

Pinterest,il social delle immagini,consente di vendere i propri prodotti e/o servizi mediante i pin sponsorizzati. Vediamo come possiamo integrarlo alla nostra piattaforma ecommerce.

Annunci

Add a little bit of body text

Hai un’ attività commerciale e vuoi estendere i tuoi affari anche nel campo dell’ e-commerce? Allora questo articolo fa per te.

Il commercio elettronico è un insieme di attività con finalità commerciali esercitate mediante sistemi informatici che riducono le distanze temporali tra scelta e relativo acquisto del bene o servizio offerto.

Nonostante l’ Unione Europea abbia facilitato il processo di digitalizzazione, questa pratica commerciale è ancora poco diffusa in Italia a causa dell’ analfabetizzazione digitale che contraddistingue la maggioranza degli italiani. Però tutte quelle imprese che hanno avuto la capacità di integrare la propria struttura commerciale con i principali social network, hanno registrato trend positivi in termini di vendite online.

In primo luogo è necessario progettare e sviluppare una piattaforma di e-commerce moderna e semplice da utilizzare. Per raggiungere il proprio obiettivo si possono intraprendere due vie. La prima è quella di affidarsi ad un professionista che mediante gli strumenti più opportuni riesca a creare una pagina web dinamica e interattiva; mentre la seconda ipotesi può essere percorsa da tutti coloro che hanno competenze tali da sfruttare le potenzialità di wordpress come vetrina commerciale.

Realizzato il sito è possibile elaborare una strategia di social media marketing che integri la propria pagina web con i principali social del momento.

Tralasciando Facebook e Twitter che possono essere sfruttati mediante inserzioni a pagamento che consentono di comprare i prodotti pubblicizzati(tasto buy)voglio soffermarmi nello specifico su Pinterest in quanto il social dai contenuti visivi rappresenta lo strumento ideale per perfezionare il proprio e-commerce.

Dopo aver aperto un account ufficiale su Pinterest inserendo tutte le informazioni aziendali e dopo aver verificato il proprio dominio web nelle impostazioni si può adoperare il social come vetrina commerciale.

Per far ciò è necessario chiarire due concetti chiave del commercio elettronico ovvero ampiezza e profondità di assortimento. Per ampiezza di assortimento si intendono le diverse categorie di prodotto(scarpe, borse, ecc)commercializzate da un brand; mentre per profondità le diverse varianti di uno stesso prodotto(scarpe da ginnastica, con tacco,ecc).

Su Pinterest i due concetti si concretizzeranno mediante le bacheche; infatti ogni board(cosi sono chiamate)rappresenterà una categoria di prodotto(ampiezza) e la stessa bacheca conterrà tante varianti differenti(profondità). È importante collocare le board in ordine alfabetico per facilitare il processo di selezione intrapreso dal cliente.

Ogni pin dovrà contenere un’ immagine ad alta risoluzione del prodotto commercializzato e una descrizione dettagliata dello stesso(scheda prodotto)con relativo collegamento alla pagina web che consentirà di acquistare il bene selezionato.

I mi piace e i commenti potranno essere utilizzati come strumento di analisi per valutare il grado di soddisfazione del cliente(senza tralasciare gli insight). Mentre i like rappresenteranno il numero di consensi virtuali per un dato prodotto, i commenti costituiranno il mezzo mediante il quale gestire la customer satisfaction. Quindi è indispensabile rispondere immediatamente alle richieste dei clienti con toni garbati e professionali. Naturalmente un prodotto potrà essere offerto mediante i pin sponsorizzati che consentiranno di mostrare il bene ad un pubblico ben definito(un vero e proprio volantino consegnato a casa).

Un ultimo accorgimento è legato alle caratteristiche del prodotto in relazione ai dati del social. Poiché Pinterest è utilizzato prevalentemente dal target femminile ed è molto diffuso negli Stati Uniti, si consiglia di commercializzare prodotti destinanti all’ universo femminile con la possibilità di adoperare anche la lingua inglese come strumento di descrizione del prodotto.

Autore: Angelo Cerrone

Vivo una vita reale ed una 3.0. Tutto ciò che passa per le mie mani viene digitalizzato. Sono un digital and social media strategist ma anche un blogger. Autore dell' ebook: "Come gestire l'assistenza clienti con Whatsapp".

3 thoughts on “Come integrare Pinterest ad una piattaforma di e-commerce”

  1. Caro Angelo,

    hai scritto proprio un bell’articolo. L’e-commerce è il futuro del commercio però bisogna ricordare a tutti coloro che vogliono intraprendere questa strada che è un settore soggetto ad alcuni obblighi di legge. A riguardo allego il link ad un post di un nostro competente collega, Andreas Voigt:

    http://www.innovando.it/obblighi-di-legge-per-un-sito-di-e-commerce-91360.html

    Rispettare tutte queste norme è importante, specie in un momento come questo in cui il Fisco a caccia di nuove entrate ha aguzzato la vista.

    Mi piace

  2. Caro Angelo,

    hai scritto un’articolo veramente interessante. L’e-commerce è il futuro delle vendite che bussa alle nostre porte e per questa ragione non ci si può improvvisare come molti erroneamente pensano.

    Bisogna tener conto dei diversi obblighi di legge che gravano su questo settore. A tal proposito, allego il link ad un post scritto da Andreas Voigt che può essere senz’altro utile a tutti coloro che vogliono cimentarsi in questa attività.

    http://www.innovando.it/obblighi-di-legge-per-un-sito-di-e-commerce-91360.html

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...