Ma il Personal branding va in ferie?

È giusto prendersi una pausa per ricaricarsi oppure è necessario aggiornare costantemente il proprio blog?

Annunci

Ma il Personal branding va in ferie_-min

Chi opera nel settore del marketing e della comunicazione d’ impresa sa benissimo che luglio e agosto sono due mesi “roventi” sotto il profilo lavorativo in quanto prima delle agognate ferie, i nostri impegni professionali si concentrano principalmente sulla conclusione dei lavori ancora in esecuzione e sulla programmazione di quelli futuri.

Spesso però le ferie estive sono un tormento per chi vive di comunicazione in quanto in questo breve arco temporale le attività vengono parzialmente e/o completamente sospese e ciò rappresenta un handicap per chi cura in modo dettagliato il proprio Personal branding.

Per Personal branding si intende tutte quelle tecniche di marketing indirizzate alla valorizzazione della propria figura professionale mediante l’ uso dei social network e di piattaforme di blogging.

Questa attività è di vitale importanza per chi lavora con il web in quanto con la diffusione di internet, ogni utente potrà essere selezionato da una o più imprese come influencer ufficiale o ufficioso del proprio prodotto e/o servizio.

Per valutare il grado di influenza di un utente, è sufficiente consultare una o più piattaforme, ad esempio Klout, Kobral e tante altre, progettate proprio per monitorare l’ evoluzione professionale di uno o più individui.

Come già accennato in un altro articolo(leggi qui)Klout e tutte le altre piattaforme sono regolate da un algoritmo che valuta l’ attivismo degli utenti e non la qualità dei propri contenuti. Questo implica che è sufficiente una pausa medio-lunga per “macchiare” il lavoro svolto poichè con una sospensione delle attività per un periodo superiore ai trenta giorni lavorativi, il punteggio di influenza crollerebbe inesorabilmente falsificando il reale valore della nostra figura professionale.

Dunque chi cura in modo maniacale il proprio Personal branding potrà sospendere parzialmente o totalmente le proprie attività, ma la stessa sospensione non dovrà essere troppo lunga in quanto le “ferie” devono essere brevi ma intense soprattutto per chi lavora in questo settore.

Autore: Angelo Cerrone

Vivo una vita reale ed una 3.0. Tutto ciò che passa per le mie mani viene digitalizzato. Sono un digital and social media strategist ma anche un blogger. Autore dell' ebook: "Come gestire l'assistenza clienti con Whatsapp".

26 thoughts on “Ma il Personal branding va in ferie?”

  1. Però in compenso aumentano le attività sui social come instagram e facebook riguardo i racconti delle proprie vacanze, credo dipendi dal tipo di profilo che si porta avanti ma qualcuno potrebbe sfruttare il periodo estivo e mostrarsi in vesti più informali tipo.. Però certo non va bene per tutto questo

    Liked by 1 persona

      1. Ma per personal branding si intende solo quello fatto da chi pubblicizza un’attività? Perché altrimenti diciamo che avrebbe un senso molto più ampio, anche il semplice presentarsi con stretta di mano lo sarebbe…

        Liked by 1 persona

  2. Per fare un esempio, ho preferito posticipare la presentazione del mio romanzo, uscito il primo di luglio, proprio a causa del periodo vacanziero e non gettare al vento le risorse fisiche e mentali. In questo periodo si fermano molte attività, ma i social sono sempre colmi di contenuti. Non ci resta che sfruttare quelli 😉 ciao Angelo. Fabio.

    Liked by 2 people

  3. Ma ho capito male? L’essere influncer si basa sul klout?

    La capacità di fare personal branding si basa sull’indice klout?
    Ma dove sta scritto?

    Dai, usiamo altri indici. I numeri servono a poco e niente.
    Che famo: stiamo qua a misurarcelo?

    Il personal branding andrebbe valutato in base all’obiettivo che una persona si è prefissata.
    E ancora: se uno si è creato una buona rete intorno a sé, può andarsene in vacanza anche per un mese che, stai tranquillo, il suo seguito non lo perderà.

    Con buona pace di articoli come questo che mi sembra confonda solo le cose e dà certezze che le certezze, nel web e nella vita, non esistono.

    Liked by 1 persona

    1. Purtroppo le aziende analizzano dati statistici generati da alcuni tool tra cui Klout che per me falsifica la realtà dei fatti, ma la situazione più o meno è questa. Per il mese di vacanza sono d’ accordo e l’ ho sottolineato nel testo ma oltre un mese diventa una situazione complessa per chi lavora in un settore delicato come quello della comunicazione.

      Mi piace

  4. Angelo, sai che per me, leggere i tuoi post genera interesse ma confesso mancanza di preparazione settoriale…io li leggo in un’ottica da privato, ma mi rendo conto che il concetto di personal branding possa avere una notevole importanza per chi deve farsi conoscere in base alle regole del marketing. Io ho la fortuna di potermene fregare anche se sino a poco tempo fa ci stavo attento…ma questi periodi di assenza di cui parli mi sembrano molto limitativi per una libertà che credo sia impagabile in ogni settore della vita…

    Liked by 1 persona

    1. Purtroppo chi lavora nel campo della comunicazione ha ferie molto brevi. Pensa te che la mia collega è stata costretta a lavorare a ferragosto sotto l’ ombrellone perché un cliente aveva avuto la brillante idea di pubblicizzare un evento sui social e non sapeva farlo.
      Io sono favorevole pause perché ti rigenerano,ma i clienti non lo capiscono o fanno finta di non capirlo.

      Liked by 1 persona

      1. Sì, ma nel tuo articolo parlavi personal branding in ferie. Non del comunicatore che non può fare le ferie perché il cliente rompe.
        Nel primo caso si tratta di sospendere la promozione di se stessi (che uno gestisce come meglio crede), nell’altro di sospendere la promozione degli altri.

        Liked by 1 persona

      2. Caro Marco forse prima di attaccare tutto ciò che dico, ti conviene riflettere sul concetto di personal branding.
        Il personal branding si costruisce anche durante l’ attività lavorativa e non solo con strategie comunicative ad hoc.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...