Personal branding “hard” su Tumblr. Il caso “Valentina Nappi”.

Valentina Nappi ha aperto un blog personale su Tumblr. Provocazione o tentativo di personal branding?

Annunci
Il mio personal Branding_Su Tumblr.-min
Foto di base pubblicata su: Leggo.it

In questi lunghissimi mesi mi sono occupato dei social network più celebri del momentoanalizzandone virtù e difetti, ma non ho mai esaminato Tumblrsocial poco noto in Italia ma che in America è un vero e proprio fenomeno digitale soprattutto tra i più giovani.

Tumblr è una piattaforma di microblogging dove ogni utente può iscriversi e dar vita ad un vero e proprio blog personale. Il profilo può essere personalizzato mediante la gestione del tema che può essere free o a pagamento e attraverso la scelta dei colori e del font da utilizzare.

Su questo network vengono pubblicate migliaia di foto e video al giorno e il successo di ogni singolo post è legato alla qualità delle immagini. Infatti su Tumblr i contenuti visivi rappresentano lo strumento principale per persuadere i propri follower e generare interesse verso un determinato argomento, secondo le regole del Content Marketing.

È sufficiente navigare per qualche istante per comprendere l’ eterogeneità dei contenuti presenti su Tumblr in quanto si possono seguire, o gestire, blog: sull’ arte, sulla cucina, sulla sport, sulla fotografia e su tantissime altre tematiche tra cui quella pornografica.

Si avete capito bene, purtroppo questo social è invaso da immagini pornografiche e da blog inerenti al mondo dell’ eros e ciò rappresenta un tallone d’ Achille per la credibilità di Tumblr, escluso quasi sempre da ogni strategia di social media marketing.

Allo stesso tempo però, la pornografia costituisce un trampolino di lancio per il network in quanto la viralità dei contenuti(hard)genera interesse e traffico verso questo social.

È proprio per tali ragioni che Valentina Nappi, nota porno star, ha scelto Tumblr(vedi qui) per “pubblicizzarsi” e consacrarsi definitivamente nel campo del porno.

I suoi contenuti sono molto discutibili poiché oltre alle consuete foto ambigue, sono spesso postati argomenti molto delicati come quelli inerenti alla religione cattolica e all’ amore tra coppie di fatto.

La viralità dei contenuti ha determinato un accrescimento della notorietà dell’ attrice che ha saputo “sfruttare” il potere dei social e in particolare di Tumblr per “rilanciare” la propria carriera professionale.

Dunque stiamo assistendo alla prima strategia di personal branding “hard” su Tumblr, social ancora poco diffuso ma che potrebbe esplodere, in ambito privatistico, proprio grazie alla pornografia che non solo ha invaso il web ma anche i social network e nello specifico Tumblr.

Autore: Angelo Cerrone

Vivo una vita reale ed una 3.0. Tutto ciò che passa per le mie mani viene digitalizzato. Sono un digital and social media strategist ma anche un blogger. Scrivo post velenosi ma veritieri.

10 thoughts on “Personal branding “hard” su Tumblr. Il caso “Valentina Nappi”.”

  1. Bè, in fondo quello del porno è un vero e proprio settore commerciale che, tra l’altro, non conosce crisi. Se poi le star di quel settore utilizzano i social networks per farsi pubblicità mi pare una cosa normale…sempre se riescono a non trascendere nel volgare smaccato, nel qual caso la considererei una caduta di stile…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...