Salerno-Scalea:in viaggio con gli “esperti” del marketing “fai da te”

In viaggio con gli esperti del marketing-min

Finalmente si ricomincia. Infatti nonostante sia stata un’ estate fantastica e a tratti quasi entusiasmante, ho avvertito a più riprese la necessità di scrivere in quanto ormai questa attività è parte integrante della mia vita professionale.

Per riprendere i ritmi di gestione, ho deciso di realizzare un articolo dai contenuti “leggeri” che ha per tema il marketing e un mio viaggio nella splendida Scalea, cittadina della Calabria nota per le sue acque cristalline.

La mia escursione è iniziata alle 07:52 di un caldo giovedì d’ agosto(il 6 n.d.r.)con il treno regionale Napoli-Paola. Avevo individuato nel treno quella soluzione ideale per ridurre i costi di trasporto e lo stress da viaggio, ma la fiducia posta in essere è venuta a mancare in poco tempo.

Appena salito a bordo ho vissuto in prima persona le stesse sensazioni delle popolazioni in via di sviluppo che quotidianamente viaggiano in treni fatiscenti e stracolmi di passeggeri. Ma possibile che l’ Italia abbia un sistema ferroviario cosi obsoleto?.

Mi sono spostato da un vagone ad un altro per “scovare” un posticino dove sedermi e finalmente dopo venti minuti, la mia ricerca si è conclusa nei migliori dei modi. Trovare un posto libero nei treni italiani è come ricercare un ago in un pagliaio.

In compenso ho avuto la “fortuna” di viaggiare in compagnia degli “esperti” del marketing “fai da te”che mi hanno illustrato le loro strategie di vendita.

Ho conosciuto il venditore dei Taralli di Castellammare che si vantava di aver venduto 150 confezioni in un solo giorno. Come aveva ottenuto quest’ incredibile risultato? Con slogan ad hoc coniati con lo scopo di valorizzare il prodotto e le sue qualità. Nel marketing l’ originalità premia sempre.

Ho conosciuto una donna dagli occhi “glaciali”che commercializzava accendini, un prodotto di massa difficile da promuovere. Però lei era in grado di vendere quel prodotto soltanto con il suo sguardo “magnetico”. Nel marketing anche l’ occhio vuole la sua parte.

Ho conosciuto il “clan” degli zingari che in ogni vagone “marcavano” il territorio ostentando arroganza e prepotenza. Proponevano ventagli, borse ed altri accessori con insistenza ottenendo discreti risultati. Nel marketing la tenacia è essenziale per raggiungere i propri obiettivi.

Ho conosciuto un gruppo di senegalesi sorridenti e spensierati che armati di tamburi e tanta buona volontà allietavano i loro clienti con musica e balli folcloristici. Hanno strappato consensi da tutte le parti, chiara dimostrazione di come il marketing richiede anche cordialità.

Ho conosciuto venditori ambulanti di ogni etnia che proponevano i loro prodotti con strategie originali e creative. In fondo il marketing è fatto anche di personalizzazione.

Personalizzazione(in senso negativo n.d.r.)che ha contraddistinto i servizi di Trenitalia.

Infatti oltre al servizio scadente offerto sui treni(sia andata che ritorno), giunto a Scalea ho scoperto che la biglietteria era chiusa per motivi non specificati causando disagi e file interminabili per l’ acquisto di un semplice biglietto(mediante il dispositivo elettronico n.d.r.)

Per fortuna le bellezze naturali ed artificiali della cittadina calabrese hanno “addolcito” la mia escursione rendendo questa giornata indimenticabile sia privatamente che professionalmente.

I consigli degli “esperti” del marketing “fai da te”resteranno un case history da raccontare alle future generazioni cosi come i servizi di Trenitalia che rappresentano l’ esempio più lampante della gestione dei trasporti in Italia. Una gestione fatta di improvvisazione e non di programmazione, programmazione che caratterizza quei volti del commercio ambulante.

Advertisements

Autore: Angelo Cerrone

Vivo una vita reale ed una 3.0. Tutto ciò che passa per le mie mani viene digitalizzato. Sono un digital and social media strategist ma anche un blogger. Scrivo post velenosi ma veritieri.

30 thoughts on “Salerno-Scalea:in viaggio con gli “esperti” del marketing “fai da te””

  1. viaggiare in Italia è si una questione di marketing, ma di aziende fredde e distaccate : unico scopo far soldi, il resto è scoperta (nel senso che scopri quanto siano lontani anni luce tutte le promesse e le pubblicità sbandierate ai quattro venti). Almeno spero che la tua vacanza sia stata rigenerante, magari per il mare e la gastronomia.
    P.s. il sei di agosto ero da mia sorella a Paola, non lontano da Scalea :), ferie ma anche ritorno…essendo calabrese. Ciao bello, un piacere ritrovarti

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...