Cookie Policy

WordPress.com e` servizio di hosting blog gestito da Automattic dove ogni utente ha un’ autonomia limitata nella gestione del proprio dominio.

Non conoscendo le dinamiche di gestione dei dati di Automattic, posso affermare che il sottoscritto si avvale solo ed esclusivamente di cookie tecnici che sono indispensabili per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche completamente anonime e di social icon che consentono di condividere gli articoli sui social network(ti consiglio di leggere le normative di ogni singolo social in materia di cookie:Twitter, Facebook, Googleplus, Linkedin, Tumblr, Pinterest,Instagram). Inoltre sono presenti tre widget testuali i cui cookie e relativi dati sono gestiti direttamente Facebook ,Twitter e Instagram(cookie di terzi parti).

Questo spazio di comunicazione non utilizza gli utenti, e i loro relativi dati, per sviluppare campagne di marketing personalizzato pertanto qualsiasi diverso utilizzo dei cookie(quelli di profilazione) non dipende dal blog angelocerrone.wordpress.com ma da soggetti esterni al blog che chiaramente sono ignoti al sottoscritto.  Se non si accettano tali condizioni è possibile abbandonare il blog oppure non condividere sui social gli articoli ovvero disattivare i cookie direttamente dal proprio browser. 

Di seguito le istruzioni dettagliate per ogni browser:

                       CHROME

  1. Eseguire il Browser Chrome

  2. Fare click sul menù  presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione

  3. Selezionare Impostazioni

  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate

  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti

  6. Nella sezione “Cookie” é possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:

    • Consentire il salvataggio dei dati in locale

    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser

    • Impedire ai siti di impostare i cookie

    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti

    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet

    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

      MOZILLA FIREFOX

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox

  2. Fare click sul menù  presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione

  3. Selezionare Opzioni

  4. Seleziona il pannello Privacy

  5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate

  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti

  7. Nella sezione “Tracciamento” é possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:

    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento

    • Comunica ai siti la disponibilitá essere tracciato

    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali

               Dalla sezione “Cronologia” é possibile:

    1. Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)

    2. Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

      INTERNET EXPLORER

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer

  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet

  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell´azione desiderata per i cookie:

    • Bloccare tutti i cookie

    • Consentire tutti i cookie

    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

      SAFARI 6

  1. Eseguire il Browser Safari

  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy

  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.

  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

    SAFARI IOS (DISPOSITIVI MOBILE)

  1. Eseguire il Browser Safari iOS

  2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

  3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”

  4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

    OPERA

  1. Eseguire il Browser Opera

  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie

  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:

    • Accetta tutti i cookie

    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati

    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per un approfondimento sui cookie è possibile leggere l’ intero testo normativo sul sito del garante della privacy(leggi qui) oppure leggere la Privacy Policy di Automattic(leggi qui)e il supporto sui cookie elaborato da WordPress(leggi qui)

Inoltre ricordo che questo blog ha aderito all’ iniziativa #adotta1blogger di Paola Chiesa. Chiunque cliccherà sul widget sarà rimandato sul sito della nota blogger e in questo  caso l’ uso dei Cookie dipenderà esclusivamente da Social Evolution, ossia il sito della dottoressa Chiesa.

Anche l’ iscrizione via Email e` sicura ed affidabile in quanto i dati saranno trattati in piena conformità alla legge 196/2003 in quanto gli unici dati richiesti sono sintetizzati sotto.

  1. Sistema di commento gestito in modo diretto: Dati Personali: Cognome, Email e Nome
  2. Modulo di contatto diretto : Dati Personali: Cognome, Email e Nome

In fede,

Angelo Cerrone.

194 thoughts on “Cookie Policy”

  1. Gentile Signor Cerrone. Sono una nuova blogger e sinceramente ho scoperto da poco che anche per i piccoli blog occorre l’informativa sulla privacy. La sua pagina e i suoi commenti agli altri utenti mi sono stati molto utili. Mi sono permessa di prendere ad esempio la sua pagina per la mia Cookie Policy, naturalmente con le dovute modifiche. Spero non le crei problemi. Grazie. Alessia

    Liked by 1 persona

  2. Buonasera Angelo,
    mi chiamo Raffaella e insieme a un’amica ho da poco aperto un blog. Ci piacerebbe fare le cose per bene e quindi, pur non essendo pratiche in materia, stiamo cercando di “studiare” per capire cosa fare.
    Su questa pagina (e nelle tue risposte puntuali ai commenti dei tuoi lettori) abbiamo trovato un sacco di informazioni utili.
    Ho creato nel menù una pagina dedicata alla Cookie Policy, a cui rimando anche nella sezione di presentazione del blog. Ho adattato la tua policy e ho inserito il link a quella di Automattic.
    Solo dopo ho letto tutti ti commenti (ero presa dall’entusiasmo di iniziare a capirci qualcosa, ma non si finisce mai di imparare!) e ho letto della possibilità di inserire il widget con il banner su cui cliccare, quindi l’ho inserito (lasciando lì solo la policy di Automattic).
    Secondo te va bene così o dobbiamo fare altro?

    Grazie mille!

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Raffaella,scusa se ti rispondo solo ora. Ho appena visto il blog e l’operazione è andata a buon fine visto che hai inserito il widget,e la policy di Automattic. Ora non devi far più nulla visto che su WordPress.com le operazioni sono molto limitate e non c’è la possibilità di intervenire con plugin o quanto altro.

      Liked by 1 persona

  3. Gentile Cerrone.
    Ho da poco creato un blog e ho trovato delle difficoltà con wordpress.com riguardo l’informativa sulla privacy,ma dopo diverse ricerche, ho individuato la sua pagina e risolto il problema.
    Mi sono permessa di prendere ad esempio la sua pagina per la mia Cookie Policy.
    Spero non crei problemi?!
    Grazie mille
    Luana

    Liked by 1 persona

      1. Buongiorno Angelo, per chi è residente all’estero (italiano iscritto all’AIRE) in area extra EU? Nel mio blogger per quanti sforzi faccia non compare alcun banner, nulla e non c’è verso di modificare alcunchè, nonostante l’avviso di google sulla nuova normativa ci sia. La stringa della url, comunque, riporta la sigla del paese in cui vivo. Ma se in un mio blog ci “butto dentro” degli italiani per collaborare? Questi ultimi possono avere guai?

        Mi piace

      2. Buongiorno Pina,allora da quello che ho capito,lei vive in un Paese non appartenente alla comunità europea giusto?Se cosi fosse,il suo blog deve rispettare le leggi del suo Paese e non quelle imposte dalla comunità. Per questo motivo non le compare il banner(anche se non ha specificato su quale piattaforma è installato)

        Mi piace

      3. ps:nei siti/blog dei miei nuovi connazionali non vedo nessun banner del genere perchè si tratta appunto di una legge europea. Strano che google mi dia questo avviso:
        Le leggi dell’Unione Europea impongono che i visitatori residenti nell’Unione vengano avvisati dell’utilizzo dei cookie su un sito o blog. In molti casi, queste leggi richiedono anche che il visitatore esprima il suo consenso.

        Abbiamo aggiunto una notifica sul tuo blog che informa i visitatori dell’uso, da parte di Google, di determinati cookie di Blogger e Google, compresi i cookie di Google Analytics e AdSense.

        È tua responsabilità verificare che la notifica funzioni effettivamente sul tuo blog e che venga visualizzata. Se utilizzi altri cookie, ad esempio aggiungi funzioni di terzi, questa notifica potrebbe non essere valida per te. Ulteriori informazioni su questa notifica e sulle tue responsabilità.
        Ignora questa notifica
        Le impostazioni HTTPS sono cambiate. Tutti i visitatori ora possono visualizzare il tuo blog attraverso una connessione criptata visitando https://miopiccolopou.blogspot.com. I link esistenti e le pagine dei blog aggiunte ai Preferiti continueranno a funzionare. Ulteriori informazioni.

        Allora: la notifica sul blog non riesco a vederla in nessuna maniera. Dove poi dice che è mia responsabilità verificare che la notifica funzioni effettivamente sul blog e che venga visualizzata non so dove sbattere la testa. La notifica non funziona e io non conosco il linguaggio di programmazione java per fare alcunchè

        Mi piace

      4. buonasera Angelo, ringrazio per la risposta. Nel frattempo, avendo fatto il copincolla dell’avviso che mi appare su blogger, non avevo fatto caso che aveva fatto partire il link del blog (nulla di impegnativo, il blog su Pou è solo un passatempo, ma ero in procinto di aprirne un dall’argomento ben più serio, ove degli amici italiani avrebbero potuto collaborare). La nuova legge comunque dice che se il pubblico a cui il blog è rivolto è italiano, è comunque necessario sottostare alla normativa italiana. Ti risulta? Nello specifico si trattarebbe di fare, assieme ad amici scrittori, un blog che contenga stralci dei nostri libri con eventuali booktrailer (avevo pubblicato prima di partire per l’estero) per commentarci a vicenda e pubblicizzarci

        Liked by 1 persona

      5. Si,giustissimo però dipende sempre dalla tipologia di blog. Mi spiego meglio. I blog creati su blogsport dipenderanno dalle normative di Google e dunque ogni utente ha un margine di manovra assai limitato. Stesso discorso con la piattaforma WordPress.com ma in questo caso le responsabilità saranno di Automattic. Invece chi crea un blog proprio (acquistando un spazio per ospitarlo)dovrà inserire una informativa estesa dove si elencherà la tipologia di cookie e un banner per il blocco preventivo dei cookie di profilazione di terze parti(Facebook,ecc). Invece chi farà profilazione(retargeting,remarketing ecc)dovrà dichiararlo al Garante,pagando una tassa di 150 euro.
        Nel suo caso però le responsabilità saranno del titolare del blog e non dei collaboratori. Dunque i collaboratori non rischieranno nulla.

        Mi piace

  4. Grazie Angelo, utilissime info! Riguardo al blog, non ho intenzione di acquistare nè dominio nè hosting (sarebbe una spesa che non garantisce un ritorno), ma appunto continuare a usare blogger di google. wordpress può anche essere un’idea (una cara amica brasiliana ce l’ha e infatti, dovendo in questo caso rispettare le leggi del Brasile, dove attualmente vivo anch’io, non compare ovviamente alcun avviso), ma probabilmente avrò bisogno del programma Adsense di google (che so già che seguirà la normativa brasiliana, la quale non prevede il corrispondente della partita iva per cifre modiche) da estendere al canale youtube, brasiliano anch’esso. Quindi potrò aprire il blogger letterario senza problemi nè per mè nè per i miei collaboratori? Il fatto che il blog dovrà (per forza di cose) essere scritto in italiano potrebbe per caso far pensare alle autorità italiane (se non faranno caso alla url che termina in .br) che si trovi in Italia? E riguardo ai bottoni di condivisione come quelli che vedo qui sotto (w, twit, f e g+), che blogger fa mettere, sono di profilazione? Noi poi metteremmo anche i link che portano ai siti (spesso e ben volentieri store internazionali) dove i nostri libri sono in vendita. Mi scuso tantissimo per le molte domande, ma io e i miei colleghi non sappiamo bene dove andare a parare e abbiamo paura. Uno di loro a causa di questa legge sui cookies non ha potuto aprire il suo personale. Buona domenica

    Liked by 1 persona

    1. Blogger dipende da Google,quindi potrai solo attivare il banner(dalle impostazioni)che sarà gestito dal motore di ricerca. Per quanto riguarda i tasti di condivisione sono tasti di profilazione ma di terze parti quindi il pagamento non è dovuto. Magari potrai scrivere nel menu una sezione dedicata alla policy dove indicherà i cookie utilizzati.

      Mi piace

  5. Fatto sta che dal Brasile google non mi fa attivare alcunchè. La url che termina in .br è ovviamente automatica, ma non so se dipende da quello. Il massimo che posso fare è scrivere qualcosa nello spazio per i gadget indicando che il blog si avvale di cookies tecnici e di quelli riguardanti terze parti unicamente per poter avere i pulsanti di condivisione. Sugli approfondimenti a riguardo (cioè la frase finale: per un maggoore approfondimento clicca qui) non ho poi la minima idea sul da farsi nè di cosa debbano fare utenti che hanno browser nuovi come ad es. edge di windows 10. Non è che farei prima a specificare che sia il sito che la mia residenza fisica e fiscale si trovano in Brasile e se viene scritto in italiano è solo a causa di pubblicazioni e colleghi, prima che questi ultimi finiscano nei guai? Perchè tra una ricerca e l’altra sono venuta a sapere che comunque i banner sui cookies non sono sufficienti, c’è anche l’obbligo di specifica della privacy policy (indipendente dai cookies) e per quest’ultima pare obbligatorio affidarsi ad agenzie perchè sembra una questione molto più complicata. Certo che questa legge ha tolto un sacco di lavoro a tanti italiani (residenti in Italia) che prima potevano contare su di un proprio sito/blog per sbarcare il lunario, ma ora se i poveracci in questione non sono come minimo analisti di sistema la vedo dura…

    Liked by 1 persona

    1. 150 euro solo un salasso per i piccoli blogger,meno per la grande editoria. Detto questo,l’idea di specificare la località può essere giusta. Per quanto riguarda invece le agenzie che elaborano la policy privacy,c’è anche Iubenda che ti fornisce un servizio digitale a buon prezzo. Potresti realizzarla acquistando i loro servizi ma come ho anticipato nei precedenti commenti,il tuo blog dipende sempre da Google.

      Mi piace

  6. grazie per le utilissime info. Per quanto poi riguarda iubenda e compagnia bella, di spendere in qualsivoglia agenzia non ho la minima intenzione (non ho soldi da buttare e non riuscirei nemmeno a coprire le spese contando sul blog, considerando pure che in Brasile si guadagna in reais e non in euro, dunque la spesa che verrebbe fuori con il cambio odierno schizzerebbe a 4 volte tanto -per non parlare poi di che genere di modalità usare per un eventuale pagamento dal Brasile per evitare fucilate di sole spese di transferência-). Preferibile sarà ovviamente piazzare a caratteri cubitali la località di provenienza del blog. Che comunque senza pulsanti di condivisione, da blogger mi sono accorta che non genera cookies, sia pure di terzi. Ma toglierli da un blog letterario sarebbe poi troppo penalizzante, sia per me che per i miei collaboratori. Se poi tutti noi inserissimo link agli store internazionali dove i nostri libri sono venduti, questi link generano pure cookies? Uno dei miei amici ha veramente molta paura e ha tirato i remi in barca

    Liked by 1 persona

  7. ops, frase erronea, ho una tastiera che è peggio del touch di android, volevo scrivere che mi sono accorta che blogger senza pulsanti di condivisione non genera cookies, invece è spuntata fuori quella frase infelice

    Liked by 1 persona

  8. ok, grazie moltissime. Vedrò di tranquillizzare il collega in questione, magari traducendo parte del blog in portoghese (il che dovrebbe comportare un eventuale beneficio agli altri italiani residenti in Brasile, magari desiderosi di trovar libri in italiano in formato e-book), mi sembra la cosa più coerente da fare affinchè il garante non abbia dubbi sulla provenienza del blog e non far rischiare nulla ai colleghi

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...